SHARE

Una spedizione di 500 km, da Lamu a Zanzibar, per sensibilizzare le comunità costiere sui danni dell’eccessivo uso della plastica.

E’ FlipFlopi, il progetto con il quale i kenioti hanno dichiarato guerra alla plastica. Per tre anni, gli ambientalisti del continente africano hanno raccolto dalle spiagge tonnellate di bottiglie pet e ciabatte infradito che sono poi servite a costruire un dhow, un veliero tipico dell’Africa orientale.

Realizzata sull’isola di Lamu da Ali Skanda, il capo costruttore navale insieme a Dipesh Pabari, team leader del progetto e ad altri volontari, l’imbarcazione, lunga 9 metri, ha raccolto altra plastica durante la navigazione ma soprattutto si è fermata nelle città presenti lungo la rotta per sensibilizzare la popolazione sul problema dei rifiuti.

Il progetto FlipFlopi è un ambizioso, seppur piccolo, contributo alla lotta che il Kenya sta portando avanti contro la plastica. Infatti, nel 2017 il governo ha imposto un divieto molto severo per l’uso dei sacchetti di plastica. Chiunque sia sorpreso a produrli, venderli o usarli, rischia la reclusione fino a 4 anni o multe fino a 35.000 euro.

Per saperne di più, visita il sito del progetto FlipFlopi.