Imprese

L’ Agenda ONU 2030 rappresenta un piano di azione universale per lo sviluppo umano sostenibile, che coniuga la componente economica, sociale e ambientale e si fonda su quattro principi guida: integrazione, universalità, inclusione e trasformazione.

La nuova programmazione comunitaria 2021 – 2027 ribadisce l’importanza di un’azione comune per l’attuazione dell’Agenda 2030 e incardina nella politica di coesione gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Allo stesso modo la strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile articola nelle 5 P – Persone, Pianeta, Prosperità, Pace e Partnership – le scelte strategiche e gli obiettivi nazionali.

Il movimento cooperativo da sempre ha nei suoi principi fondativi l’essenza dell’Agenda ONU 2030.

La Conferenza globale “Cooperative per lo sviluppo” organizzata dalla International Cooperative Alliance nel 2019, ha evidenziato come il movimento cooperativo possa dare un contributo chiave al raggiungimento dei 17 goal di sviluppo sostenibile (SDGs) poiché interviene sul superamento delle disparità sociali, agisce sulle fratture ritessendo coesione, valorizza il ruolo delle donne e le individua come vettori di inclusione e di mediazione culturale favorendo una società tollerante e inclusiva. La cooperazione ha a cuore il lavoro e la dignità che esso comporta per le persone, le famiglie e le comunità. Le imprese cooperative sono anche economia, sviluppo dei territori, esternalità positive e attenzione alla salvaguardia dell’ambiente. 

La cooperazione affronta  questa nuova fase puntando a essere riconoscibile come portatore di buone pratiche in tema di sostenibilità, facendo dei suoi principi un tratto distintivo di competitività. Racconteremo come le cooperative aderenti a Legacoop Emilia-Romagna stiano lavorando con grande impegno nella direzione di sviluppare una economia etica e sostenibile.

Le ultime news