SHARE
https://asvis.it/public/asvis2/images/Rapporto_ASviS/Rapporto_ASviS_2019/foto1.jpg

Il Rapporto ASviS, giunto alla sua quarta edizione, rappresenta uno strumento unico per analizzare l’avanzamento del nostro Paese verso il raggiungimento dei 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 e identificare gli ambiti in cui bisogna intervenire per assicurare la sostenibilità economica, sociale e ambientale del modello di sviluppo.

Lo scorso 4 Ottobre, dopo l’intervento del Presidente di ASviS Pier Luigi Stefanini e i saluti del Presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, Enrico Giovannini, Portavoce ASviS, ha presentato il Rapporto 2019 alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella presso la sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica a Roma. Sono quindi intervenuti il Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri, e il Commissario europeo, Paolo Gentiloni.

La forte presenza da parte delle Istituzioni all’evento è testimonianza dell’impegno assunto dal governo nei confronti dello sviluppo sostenibile:

“Il nuovo governo ha introdotto la sostenibilità nell’agenda politica e le linee programmatiche includono alcune proposte avanzate proprio dall’Asvis: dall’inserimento in Costituzione del principio dello sviluppo sostenibile all’avvio di un’Agenda urbana per lo sviluppo sostenibile, dall’uso dell’Agenda 2030 per ridisegnare il funzionamento del sistema socio-economico, alla valutazione dell’impatto economico-sociale-ambientale dei provvedimenti legislativi, dal taglio dei sussidi dannosi all’ambiente alla legge per annullare i differenziali retributivi tra uomini e donne, a parità di mansioni svolte. A questi annunci devono seguire azioni concrete“– ha dichiarato il presidente di Asvis Pierluigi Stefanini. 

Ciò che emerge dal Rapporto 2019 è che, nel percorso verso il raggiungimento dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, l’Italia migliora in alcuni campi, per l’esattezza 9 – salute, uguaglianza di genere, condizione economica e occupazionale, innovazione, disuguaglianze, condizioni delle città, modelli sostenibili di produzione e consumo, qualità della governance e cooperazione internazionale –, ma peggiora in altri 6  – povertà, alimentazione e agricoltura sostenibili, acqua e strutture igienico-sanitarie, sistema energetico, condizione dei mari ed ecosistemi terrestri – ed è solamente stabile per l’educazione e la lotta contro i cambiamenti climatici.

Potete scaricare il Rapporto ASviS 2019 nella sezione Media.