SHARE

Uno dei goal su cui abbiamo lavorato maggiormente in questi mesi nelle 13 scuole della regione è il numero 4: assicurare un’istruzione di qualità, equa ed inclusiva, e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti.Per fare questo, anche la tecnologia può dare il suo contributo fondamentale!

Sulla base degli accordi contenuti nel protocollo siglato con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, l’azienda Acer provvederà a fornire supporto alle scuole nell’impiego delle tecnologie messe a disposizione, con particolare riguardo alla fase iniziale di impostazione ed avvio ed in fase di valutazione conclusiva della sperimentazione.

Il progetto prevede azioni di accompagnamento e formazione per il personale docente organizzati con il Servizio Marconi TSI dell’USR-ER e Etic Srl, società appartenente a C2 Group, per fornire una preparazione completa sugli strumenti informatici da usare in classe e sull’utilizzo della piattaforma Google Suite Education.

Acer continua a garantire il proprio supporto alle scuole sia attraverso un’offerta completa per la creazione di classi digitali sia attraverso progetti innovativi volti a diffondere le competenze per sfruttare al meglio la tecnologia in classe.

L’Ufficio Scolastico regionale per l’Emilia-Romagna è da sempre attento all’evoluzione del mercato delle tecnologie per la didattica, nella convinzione che l’offerta formativa delle scuole debba essere allineata ai linguaggi ed alle modalità comunicative che contraddistinguono il nostro tempo”, ha spiegato il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale, Stefano Versari. “La proposta di ACER di lavorare congiuntamente per testare nel contesto autentico le caratteristiche dei nuovi Chromebook è stata accolta con favore, convinti che i feedback che verranno dell’azione congiunta del know how dell’azienda e delle competenze didattico-metodologiche del Servizio Marconi TSI, che seguirà il lavoro per l’Ufficio, potranno essere molto utili a tutti per mettere a punto strumentazioni sempre più rispondenti ai bisogni delle scuole nonché per fornire indicazioni ai docenti su come ottimizzare l’uso in classe di device innovativi decisamente promettenti. Di fronte alle sfide del mondo digitalizzato aziende e sistema scolastico possono trarre mutuo beneficio da azioni coordinate, come questa che si sta avviando, dove il valore aggiunto è per tutti, e viene dall’incrocio e dallo scambio delle esperienze e delle competenze specifiche che ciascuna parte apporta”.